Il CSS-Combustibile ė un prodotto adatto alla combustione in co-combustione del carbone.

Redazione Ecocarbon 19 dicembre 2014

Ancora comprensibili dubbi sull’uso del CSS-Combustibile. La redazione del Consorzio Ecocarbon è sempre a disponibile per chi volesse confrontarsi con dati tecnici e certificati da enti terzi.

In merito alla pubblicazione dell’articolo pubblicato in data 17 dicembre 2014 sulla filiera del CSS-Combustibile, ci permettiamo precisare alcuni punti relativi all’argomento:

  • Non si tratta di una trasformazione di attività del cementificio SACCI di Cagnano Amiterno, ma bensì di una opportunità per migliorare le condizioni ambientali del Territorio, attraverso la parziale sostituzione del combustibile fossile tradizionale, con un prodotto che ha delle caratteristiche per il rispetto dell’ambiente migliori rispetto al Pet Coke e al Carbone. Con le sperimentazioni in atto da diversi anni, utilizzando CDR-Q in Veneto (impianto Enel), in Piemonte (cementificio Buzzi-Unicem), e in quasi tutti i paesi Europei più evoluti, possiamo dimostrare che l’utilizzo del CSS-Combustibile “end of waste” permette una netta riduzione degli ossidi di azoto e una importante riduzione delle polveri sottili e ceneri, con un ingente risparmio di CO2 ( gas serra), nessun rischio di produzione delle diossine e un beneficio economico importante per i cittadini. Certamente la soluzione migliore per l’ambiente è di chiudere tutte le industrie e le aziende di produzione di elettricità e del cemento, ma il concetto della sostenibilità ambientale si base sulla riduzione dell’inquinamento e dei rischi ambientali per “donare” ai nostri figli le stesse possibilità di vivere.
  • La Regione Abruzzo è una delle più virtuose in questo ambito in Italia: ha applicato nel suo piano per la gestione dei rifiuti una serie di nuove tecniche di gestione per arrivare ad un efficiente ed efficace trasparenza, integrando soluzioni idonee a migliorare le condizioni ambientali e di vita dei cittadini.
  • L’articolo pubblicato non tiene conto della realtà dei fatti, le procedure amministrative devono seguire un iter ben preciso. Innanzitutto la Regione deve deliberare una proposta, in questo caso un protocollo di intesa costituito da più soggetti, nello specifico Cementeria SACCI, Comune di Cagnano Amiterno (AQ), Consorzio Ecocarbon e Regione Abruzzo, il passaggio successivo sarebbe stato proposto dal sindaco agli amministratori locali e successivamente in assemblea pubblica alla cittadinanza, ivi inclusi i paesi limitrofi, come indicato dal Sindaco di Cagnano Amiterno, nell’ultimo incontro in Regione, tutto ciò si sarebbe dovuto svolgere nei primi mesi del 2015.
  • La cementeria SACCI NON brucerà rifiuti, il Consorzio Ecocarbon è sempre stata contro l’utilizzo delle discariche, la costruzione di nuovi forni inceneritori e il co-incenerimento dei rifiuti “tal quali”, contribuiscono all’aumento dell’impatto sull’ambiente. La mission del Consorzio è quella di portare benefici ambientali riducendo gli inquinanti contenuti nel carbone, o peggio nel Pet-coke, quindi metalli pesanti, zolfo o altre sostanze contenute nei combustibili fossili.
  • Il Consorzio Ecocarbon vuole essere garante della qualità del combustibile prodotto, in quanto abbiamo integrato alla normativa nazionale un disciplinare di processo e prodotto, che impone uno standard di produzione estremamente raffinato, e la Regione Abruzzo ha adottato questo strumento, cui dovranno far riferimento tutti i produttori, e lo stabilimento SACCI dovrà seguire le stesse indicazioni, i fornitori dovranno avere tra i requisiti l’adozione e la certificazione del disciplinare Ecocarbon, dove i controlli vengono verificati dal “comitato di sorveglianza del marchio di qualità”, composto dai rappresentanti dei cittadini locali, organi di controllo, comitati, associazioni ambientaliste e tutti gli organismi di stato preposti (come previsto dal regolamento di applicazione del disciplinare di processo e prodotto).
  • Il CSS-Combustibile non sono solo plastiche (soprattutto non è plastica clorurata, che vengono eliminate dalla raccolta differenziata a monte a valle del processo di trattamento, i cosiddetti TMB a freddo), come indicato nell’articolo, ma bensì  frazione secca non recuperabile dopo tutte le raccolte differenziate ed i rifiuti industriali non pericolosi, idonei al processo non recuperabili come materia prima seconda, che anziché andare a finire in discarica vengono valorizzati economicamente, perché il CSS-Combustibile “ end of Waste” è un prodotto non è più un rifiuto.
  • Pertanto l’amministrazione locale non ha preso impegni per la comunità, ma bensì ha valutato prima di proporre una soluzione alternativa, che potesse portare un doppio beneficio, il primo dal punto di vista ambientale, il secondo di carattere economico, per la comunità con un risparmio sensibile sullo smaltimento dei rifiuti e di conseguenza una riduzione della tassa rifiuti. Nelle altre situazione dove si utilizza il CSS-Combustibile hanno ridotto del 40% la tassa dei rifiuti ai Cittadini.
Ricordiamoci che ...
Rimaniamo a completa disposizione, dei comitati o dei cittadini stessi, nel caso intendessero conoscere meglio di cosa si tratta (con dati certificati da enti terzi), possono contattarci all’indirizzo qui di seguito, in attesa della convocazione dell’assemblea pubblica che verrà fissata dall’amministrazione.

Be the first to comment.

Leave a Reply


You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

     

*